• STAMPA 3D PROGETTI UNIVERSITARI

    STAMPA 3D PROGETTI UNIVERSITARI

    Oggi vi voglio parlare con un caso concreto di come la stampa 3D può essere di supporto a designer e progettisti in fase di studio e sviluppo del progetto. 

    Abbiamo collaborato alla realizzazione di un progetto ideato da Alex Tonussi, studente di design dell’Università di IUAV di Venezia.

    Il nome del progetto è “E7 Mobilità Assistita”. Trattasi di uno scooter a tre ruote per anziani, o per chi ha ridotte capacità motorie con un design tutto nuovo. Oltre ai rendering, Alex ha voluto realizzare il suo progetto stampato in 3D per dar forma alla propria idea progettuale. I pezzi del modello 3D sono stati stampati con stampanti a fusione di filamento per i componenti più grandi, mentre per i piccoli componenti di dettaglio sono state usate stampanti a resina. Noi di Plastik Studio 3D abbiamo realizzato gli schienali e la scocca dello scooter. Una volta stampati tutti i pezzi, il modello è stato assemblato e fissato su una lastra di plexiglas. 

     

    Con la stampa 3D è possibile realizzare forme particolari e molto complesse in poco tempo ed a prezzi contenuti. La stampa 3D può essere infatti un valido supporto per gli studenti universitari per realizzare i propri progetti in modo semplice e veloce. Noi di Plastik Studio 3D ci occupiamo di stampa 3D a Pordenone, abbiamo a disposizione diverse stampanti 3D anche di grande formato (ad esempio abbiamo in casa una RAISE 3D pro2) per poter realizzare qualsiasi tipo di progetto. Possiamo utilizzare vari materiali tra cui, PLA, ABS, ASA e NYLON. Per i progetti che necessitano di finiture particolare siamo in grado di utilizzare filamenti speciali ad esempio materiali effetto legno, traslucidi, fluorescenti, effetto seta e plastiche flessibili.

    Abbiamo inoltre aiutato diversi studenti a realizzare i propri modelli, non solo per quanto riguarda la stampa ma offriamo supporto anche nella fase di preparazione del modello 3D con lo scopo di sviluppare modelli ottimizzati per la stampa. Il tutto per ridurre tempi e costi.

    Di seguito altri esempio di concept realizzati (clicca sull’immagine per aprirla). 

     

    Per tutti gli studenti universitari offriamo prezzi molto vantaggiosi. Il nostro consiglio è appunto contattarci già dai primi concept del modello per sviluppare i disegni 3D già ottimizzati per la stampa. 

    Leggi il nostro articolo con i principi base ed entra anche tu nel mondo della stampa 3D! “Come stampare in 3D

    Per rimanere aggiornato su tutte le nostre novità lascia un like alla nostra pagina Facebook e Instagram

     

  • MIGLIOR PROGRAMMA DI DISEGNO 3D GRATUITO

    MIGLIOR PROGRAMMA DI DISEGNO 3D GRATUITO

    Oggi vi voglio parlare del miglior programma di disegno 3D gratuito, FUSION 360. Se siete dei privati e volete un programma professionale con licenza gratuita per modellare in 3D il miglior programma è sicuramente FUSION 360. Ora vi spiegherò quali sono i pregi del programma, come installarlo nel vostro PC e come attivare la licenza gratuita. 

    I VANTAGGI DI FUSION 360

    Perché vi consiglio di imparare ad utilizzare FUSION 360 per la realizzazione dei vostri modelli 3D? Secondo me è il miglior programma di disegno 3D perché innanzitutto è molto intuitivo da utilizzare ed in rete è presente una community molto attiva dove reperire tutorial e tutto quello che serve per iniziare a modellare. FUSION 360 è un programma praticamente completo su tutti i fronti perché ci permette di lavorare su più ambienti, solido, superfici, mesh. Cosa da non sottovalutare è anche la possibilità di fare elaborazioni fotorealistiche dei propri modelli 3D ed e Autodesk da la possibilità di appoggiarsi ai propri server qualora non si abbia un pc abbastanza potente per realizzare il rendering. Ultimo aspetto è che il programma per le piccole start-up, i freelance e gli hobbisti è completamente GRATUITO! Vuoi iniziale subito a modellare in 3D? Ora ti spiegherò come installare ed attivare la licenza per uso personale di FUSION 360! 

    SCARICARE E INSTALLARE FUSION 360 AGGIORNAMENTO 2020 

    Innanzitutto prima di installare FUSION 360 dovremmo andare a vedere se il nostro PC supporta l’installazione di questo programma. I requisiti minimi per installare FUSION 360 sono i seguenti:

                                                                         Requisiti minimi FUSION 360

    La seconda cosa importante prima di poter scaricare Fusion 360 è avere un account Autodesk. L’operazione è molto semplice e del tutto guidata, potete registrarvi direttamente cliccando su questo link: Registrazione Account Autodesk

    Se abbiamo il nostro account Autodesk ed il nostro PC supporta l’installazione di FUSION 360, possiamo scaricarlo e installarlo dal seguente link: https://www.autodesk.com/products/fusion-360/free-trial
    Una volta aperta la pagina del sito Autodesk, andiamo a cliccare sul pulsante con indicato “personal use”, come indicato nell’immagine sottostante.

    Una volta cliccato su Download For Personal Use, troveremo questa schermata dove dovremmo andare a cliccare su “Get Started“. Inizierà subito un download di un file di installazione di circa 12 MB. Terminato il download andiamo ad aprire il file di installazione. 

    Una volta terminato il download e seguita la procedura di installazione avremmo installato FUSION 360 sul nostro PC.  Come già anticipato al primo paragrafo, se non avete già account Autodesk, dovrete crearne uno seguendo la procedura guidata.
    Inoltre se alla prima apertura di FUSION360, vi chiederà la creazione di un “team di lavoro” seguite la procedura e create un team inserendo il vostro nome, o uno a piacimento.  

    ATTIVAZIONE LICENZA GRATUITA PER USI NON COMMERCIALI

    Ora vi spiegherò passo passo come attivare la licenza gratuita per usi non commerciali. 

    Innanzitutto come prima cosa apriamo FUSION 360. Nella schermata principale del programma in alto a destra troverete un pulsante arancione con scritto “Subscribe Now”
    Se all’apertura di FUSION360 non troverete questa icona, vorrà dire che il software è già stato registrato come licenza per usi non commerciali.
    Diversamente passiamo a punto successivo.

    Cliccando su “Subscrive Now” ci apparirà questa finestra dove ci chiederà di acquistare la licenza oppure, troveremo in basso la scritta “Are you a StartUp, non-commercial user or student?” che tradotto in italiano significa “Sei una StartUp, un utente con fini non commerciali o uno studente?”. Per proseguire clicchiamo appunto su questo link in blu. 

    Nella schermata successiva dovremmo scegliere per quale uso utilizzerete FUSION 360. Se siete una piccola start-up potete scegliere la prima opzione, se invece siete dei privati ed utilizzerete fusion per i vostri progetti personali andrete a selezionare la voce “Non commercial use”. La voce “educational use” è dedicata a docenti e studenti universitari. Io vi mostrerò come completare la registrazione selezionando la voce “Non commercial use” che credo sia la più adatta per molti di voi. 

    Clicchiamo quindi su “Personal, non-commercial use”

    Una volta cliccato sulla voce “non commercial use” vi si aprirà automaticamente questa schermata dove dovrete spuntare le due caselle vuote dove dichiarerete sostanzialmente di utilizzare FUSION 360 non per scopi commerciali. Spuntiamo le due caselle e clicchiamo sul pulsante verde “Continue”.

     

     

    Come ultimo passo, andiamo a cliccare su “Complete Registration” come indicato nell’immagine sottostante. 

    Se vi compare questa schermata vorrà dire che abbiamo eseguito tutti i passaggi correttamente ed ora potremmo utilizzare FUSION 360 per i nostri progetti personali! Ora vi basterà cliccare su “Start using Fuzion 360” per iniziare subito a disegnare!

    Se il tutorial ti è piaciuto e ti invito a lasciare un like alla nostra pagina Facebook per sostenere il nostro progetto e rimanere aggiornati su tutti i nostri articoli.

     

     

     

     

  • COME STAMPARE IN 3D

    COME STAMPARE IN 3D

    1 – Il modello 3D

    Disegno del nostro modello 3D tramite programmi CAD.

     

    Partendo dal presupposto che abbiamo acquistato la nostra prima stampante e siamo pronti per la lanciare la prima stampa, per poter stampare in 3D prima di tutto dobbiamo avere un disegno o un modello 3D da stampare. Se intendiamo stampare un nostro progetto dovremmo per prima cosa disegnarlo in 3D. Il nostro modello 3D può essere realizzato con dei programmi di disegno 3D a pagamento come il famoso AutoCAD oppure utilizzando programmi gratuiti come ad esempio Free CAD. 

    Esistono on line siti dove scaricare gratuitamente o a pagamento modelli 3D pronti da stampare, il più famoso è Thingiverse.

     

    Esempio di scansione 3D

    Inoltre se ad esempio vogliamo riprodurre un oggetto esistente molto complesso da ridisegnare a computer è possibile utilizzare uno scanner 3D. Questi particolari scanner sono in grado di digitalizzare l’oggetto reale in un modello 3D pronto per essere stampato. 

     

    2 – Il file “stl”

    Una volta realizzato il disegno tridimensionale dell’oggetto tramite CAD oppure ottenuta la scansione, il modello deve essere esportato in un preciso formato chimato “.stl” (Stereo Lithography interface). Per chi si approccia per la prima volta in questo settore può sembrare una operazione complicata ma non è così. Nella grande maggioranza dei programmi di modellazione 3D è possibile esportare il nostro disegno in questo particolare formato. 

    Il file “stl” dovrà essere caricato su dei particolari programmi per impostare tutti i settaggi e parametri della nostra stampante 3D.   

    Esempio visualizzazione file stl su Windows

    3 – Lo Slicing e il G-Code

    Una volta ottenuto il nostro file .stl lo dovremmo elaborare tramite un software di “Slicing” per impostare tutti i vari parametri della nostra stampante. Tramite questi software si possono impostare tutti i dati della nostra stampante 3D e tutti i parametri per la stampa indicando prima di tutto il tipo di materiale che andremo ad utilizzare (clicca qui per scoprire quali sono i materiali più utilizzati per la stampa 3D), lo spessore e precisione del layer, il riempimento dell’oggetto e la velocità di stampa ecc.

    Schermata Slic3r per impostazione stampante Prusa i3 MK2

    Dovremmo andare a scegliere il nostro software di “Slicing” in base alla nostra stampante. Certe stampanti come per esempio la Zortrax M200 utilizza esclusivamente un suo programma dedicato mentre con altri tipi di stampanti 3D (ad esempio un Prusa i3MK3) si possono utilizzare i vari software presenti on line.

    Sul web esistono dei software gratuiti ed a pagamento. Il software più usato tra quelli con licenza è Simplify 3D, mentre per quanto riguarda i software gratuiti i più usati sono CURA e Slic3r

    Una volta elaborato il file stl ed inseriti tutti i parametri per la stampa si salva nuovamente il file in un formato apposito che possa essere letto dalla stampante 3D, il G-Code. Il g.code non è altro che un file di testo con la codifica di tutti i movimenti che la nostra stampante dovrà effettuare per realizzare il nostro oggetto.

    A questo punto attraverso una chiavetta usb o un sd inserita nella stampante si può mandare in stampa l’oggetto.

    Se non hai a disposizione una stampante 3D e hai un modello 3D da stampare o vuoi realizzare un tuo progetto, contattaci per un preventivo. 

error: Copyright Plastik Studio 3D

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi